venerdì 24 novembre 2017

SISTEMA IMPRESA

07-07-2017

Tazza: «La cultura della sicurezza sul lavoro è fattore di innovazione e crescita»

Il presidente di Sistema Impresa Berlino Tazza alla presentazione della 'Relazione Annuale 2016' del presidente INAIL Massimo De Felice




Mercoledì 5 luglio 2017 a Roma, presso la Sala della Lupa a Montecitorio, il Presidente INAIL Massimo De Felice ha presentato la “Relazione Annuale 2016” dove, come ogni anno, è stato invitato il Presidente di Sistema Impresa Dott. Berlino Tazza.

La presenza costante del Sistema Confederale a tale importante appuntamento si ascrive alla sottoscrizione in data 21/04/2015 dell’“ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE” tra Sistema Impresa e Inail finalizzato a conseguire iniziative in ambito di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro sul territorio nazionale. Il Comitato di Coordinamento paritetico che ne è derivato, composto da tre rappresentanti per ciascuna delle parti, rispetto all’Accordo sopra citato, sta dando seguito a quanto previsto dal “documento programmatico 2016-2017” con riferimento al completamento dello sviluppo di tre diversi esempi applicativi di attuazione di MOG per la salute e sicurezza sul lavoro nei settori: Commercio, Turismo e Servizi.

Nella sua relazione, il presidente INAIL De Felice ha messo in luce che le denunce di incidenti mortali sul lavoro sono scese a 1.104 nel 2016 (erano 1.364 cinque anni fa), nuovo minimo storico in base alle serie storiche comparabili (dal 2008). In termini di infortuni, la relazione registra per il 2016 642mila denunce (+0,66% rispetto all'anno precedente, il 14% in meno rispetto al 2012).

Positiva e mirata anche l'azione di prevenzione da parte di INAIL: l'87,6% delle imprese controllate dall'Inail nel 2016 sono risultate infatti irregolari. Non perché le aziende italiane siano disattente al problema sicurezza, ma perché l'azione di controllo dell'INAIL si è fatta più mirata e non dispersiva. Tutto ciò è accaduto grazie all'«ottimo risultato della procedura di “business intelligence”», ha sottolineato De Felice, una strategia che permette indagini mirate, concentrando le risorse disponibile per gli accertamenti sui casi a rischio invece che distogliere energie laddove la probabilità di violazioni è bassa o pressoché nulla.

Il presidente di Sistema Impresa Berlino Tazza ha così commentato: «La collaborazione tra Sistema Impresa e Inail su scala nazionale dà prova dell’impegno Confederale profuso a favore delle imprese aderenti sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, tema che la Confederazione presidia con impegno e grande attenzione. La progettualità condivisa con l’INAIL è volta a determinare un’ampia ricaduta dei risultati perseguiti in termini di numero di destinatari raggiunti prioritariamente nel settore Terziario, dove la rappresentanza del Sistema Confederale è assai significativa».




ALTRE IMMAGINI

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi