venerdì 22 febbraio 2019

SISTEMA IMPRESA

15-01-2019

Confsal- IX Congresso Nazionale

Un nuovo patto sociale per lo sviluppo. L’intervento del presidente di Sistema Impresa Berlino Tazza




Roma – Sistema Impresa presente al IX Congresso della Confsal, la Confederazione generale dei sindacati autonomi dei lavoratori in corso presso l’Auditorium Massimo Rota a Roma.  

Tema del congresso la proposta di un vero e proprio «patto sociale per il lavoro e per lo sviluppo che coinvolga tutti»  ha introdotto Angelo Raffaele Margiotta, segretario generale del sindacato «allo scopo di far a una crisi strutturale che rischia di diventare endemica. Il patto sociale per lo sviluppo – ha spiegato Margiotta – è il percorso che la nostra confederazione vuole perseguire. Lo sviluppo è una questione centrale per tutti».

 

Per Sistema Impresa, principale partner sindacale di Confsal, è intervenuto il presidente Berlino Tazza di cui si pubblica l’intervento integrale.

«Le Confederazioni Sistema Impresa e Confsal da oltre dieci anni stringono concrete intese di carattere politico - sindacale atte a sviluppare sinergie continuative e stabili a favore di aziende e lavoratori. In questo contesto di relazioni sindacali e di reciproco riconoscimento sono stati istituiti il Fondo Formazienda che rappresenta ad oggi il 4° Fondo Interprofessionale Nazionale per la formazione continua, che quest’anno con fermezza proverà a raggiungere il milione di lavoratori aderenti, e l’Ente Bilaterale EBITEN, strumento individuato dalle Parti per servizi di welfare, sostegno al reddito e salute e sicurezza nei CCNL dei vari settori economici del Paese.

 

In ambito della Contrattazione Collettiva non possiamo che complimentarci col Segretario Prof. Angelo Raffaele Margiotta per la costanza e la determinazione manifestate nel tentativo di combattere il fenomeno del c.d. dumping contrattuale tema quanto mai attuale sul quale da tempo si stanno concentrando anche diverse istituzioni dello Stato. I Contratti Sistema Impresa e Confsal sin dal principio e come evidenziato dalle ultime rilevazioni ufficiali del CNEL, risultano pienamente armonici ai contratti maggiormente diffusi nei vari settori sia per quanto riguarda la parte retributiva che quella normativa. Anche per Sistema Impresa così come per Confsal il nuovo paradigma sta nella qualità della contrattazione collettiva e nel tentativo di far garantir il pluralismo sindacale costituzionalmente garantito. Con la Fesica, grazie anche alla costanza del segretario generale Bruno Mariani, e Fisals abbiamo stipulato i più importanti CCNL dei nostri settori di rappresentanza realmente in grado di far incontrare le esigenze del lavoratore con quelle dell'azienda e trovare nuove soluzioni per un mercato del lavoro che sta manifestando a ritmo incessante sempre nuove esigenze. Con la Fesica ci stiamo interfacciando a più riprese con l’Ispettorato Nazionale del Lavoro nel tentativo di superare i contenuti delle Circolari n. 3 e 4 del 2018 ancora cogenti che minano drasticamente il concetto di libertà sindacale e le attività delle federazioni sui territori.

 

Sempre nell’ottica della contrattazione pertanto serve una razionalizzazione e un'armonizzazione delle linee guida per la contrattazione collettiva caratterizzata da standard elevati, con una articolazione flessibile e non subordinata tra il primo e il secondo livello e con un accento forte sia sulla formazione di tutti i lavoratori che sulle politiche attive per i giovani. Al Paese servono dunque contratti di qualità e Sistema Impresa é pronta a dare il proprio contributo in questo solco tracciato dal Segretario Margiotta nel Convegno di Napoli il 1° Maggio e ribadito con forza in questi giorni di congresso».

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi