mercoledì 30 novembre 2022

SISTEMA IMPRESA

27-09-2022

Politiche 2022 | Voto 25 settembre

Il commento del presidente Berlino Tazza




«Le elezioni hanno fornito una maggioranza apparentemente chiara in entrambe le camere e credo che questo sia sempre un dato positivo per quanto estremamente raro nella politica italiana.Solo con un parlamento in grado di prendere decisioni, infatti, si può evitare l’eccesso di frammentazione e di rivalità che molto spesso hanno pregiudicato la possibilità di varare politiche nazionali efficaci.

 

In merito alle priorità da affrontare credo che vi siano urgenze oggettive e non differibili per il mondo delle imprese. I costi energetici sono cresciuti al punto da non essere più sostenibili.

 

Nell’immediato occorre mettere un tetto al prezzo del gas e alla revisione dei meccanismi di individuazione del prezzo dell’ elettricità sganciandolo dal gas.

 

Le aziende devono essere messe nelle condizioni di lavorare in un contesto di costi fissi praticabili e propedeutici al proseguimento dell’attività d’impresa. Per quanto riguarda il terziario dobbiamo considerare una oggettiva contrazione del denaro e conseguentemente della capacità di spesa da parte dei consumatori.

 

Occorrono politiche di sostegno adeguate in riferimento al commercio ma anche al consumo che possano ridare un po’ fiducia al futuro. C’è infatti il problema della tenuta delle famiglie. Il già risicato potere di acquisto deve essere preservato e, a lungo termine, occorre pensare ad una definitiva riforma della fiscalità per ridurre la pressione fiscale che si sta dimostrando fatale.

 

Adesso è il momento di incrementare con forza gli aiuti concreti per sostenere la vita produttiva nazionale supportando con più determinazione i nuclei famigliari alle prese con un quadro economico estremamente difficile.

 

Un altro tema con il quale occorre fare i conti è il lavoro. Oggi è sempre più difficile reperire personale. I lavoratori faticano a farsi avanti in presenza di un contesto disincentivante. Le problematiche legate all’attuazione del Jobs Act, della Naspi, del reddito di cittadinanza e dei voucher hanno generato un sistema che sembra ostacolare l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro. ».

 

 

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi
  • fondo di assistenza sanitaria