domenica 03 luglio 2022

SISTEMA IMPRESA

03-06-2022

Aiuti ai profughi ucraini dalle imprese del Lodigiano

Il presidente Di Sistema Impresa – Asvicom Lodi Vittorio Codeluppi: «Abbiamo coinvolto gli associati appena abbiamo intercettato la richiesta di aiuto»




Tre spedizioni per portare cibo, medicinali e vestiti ai profughi ucraini nei centri di raccolta sul confine polacco. L’iniziativa della società di benefit Santa Francesca Cabrini, con sede a Lodi in Lombardia, ha ottenuto gli apprezzamenti del presidente del parlamento europeo Roberta Metsola che, mercoledì 8 giugno a Strasburgo, incontrerà i volontari dai quali riceverà una teca con la terra di Leopoli e Bucha, due città dove l’emergenza umanitaria ha raggiunto livelli drammatici a seguito dell’invasione russa.

La società Santa Francesca Cabrini è attiva nelle operazioni di accoglienza rivolte alla popolazione ucraina. Tra i mesi di marzo e maggio i volontari hanno organizzato tre spedizioni con sette furgoni che hanno trasportato nei centri di raccolta dei profughi sul confine 150 quintali di generi di prima necessità tra cibo, medicinali, omogenizzati, prodotti per bambini, abbigliamento invernale. I volontari hanno consegnato anche quattro ecografi per l’ospedale di Leopoli.

“Il sostegno del territorio – dichiara la direttrice della società Santa Francesca Cabrini Martina Castelli - è stato forte e immediato. Siamo stati tra i primi a partire, otto giorni dopo l’inizio del conflitto, e dopo l’esito positivo del primo viaggio abbiamo replicato con azioni analoghe nei mesi successivi. Abbiamo prelevato e condotto al sicuro in Italia 35 persone e una famiglia con una bambina disabile che stiamo ospitando nelle nostre strutture presenti sul territorio”.

“Non appena abbiamo intercettato la richiesta di aiuto – ha detto il presidente di Sistema Impresa Asvicom Lodi Vittorio Codeluppi che ha partecipato personalmente alle spedizioni – ci siamo mobilitati coinvolgendo i nostri associati. Il segnale di solidarietà è stato tempestivo e ringrazio gli imprenditori che aderiscono alla nostra associazione per la generosità che hanno dimostrato. La situazione dei profughi è drammatica. Ogni piccolo sforzo è estremamente utile e può fare la differenza”.

  • ebiten nazionale
  • formazienda
  • fidicom asvifidi
  • fondo di assistenza sanitaria